L’offerta

Caravaggio, frequentando la strada, inventa la fotografia. In un interno di bottega, buio, la luce di un riflettore investe un gruppo che sembra all’improvviso distolto dall’impegno di contar denaro per una imprevista variazione di programma: l’arrivo di due pellegrini, che invece di chiedere assistenza vengono a proporre qualche novità, qualche nuovo affare. “Tu, proprio tu!”, sembra indicare con la mano a mezz’aria il personaggio appena arrivato, insieme misterioso e sicuro di sé.

Caravaggio, Vocazione di San Matteo, 1599-1600, San Luigi dei Francesi, Roma
vista da Osservarte


Noi siamo lì, testimoni di questa offerta che non si può rifiutare.

[Vittorio Sgarbi, Caravaggio, Milano 2005, p. 43]

Rispondi