Ritorno ai Campi Elisi

Arles e Les Alyscamps: oggetto e soggetto dei dipinti di Van Gogh e Gauguin

Arles è famosa per essere uno dei protagonisti dell’opera di Van Gogh e di Gauguin. Il secondo non amò la città provenzale, forse anche in virtù dei continui litigi con l’amico-collega. Il primo, invece, trovò nei colori e nelle atmosfere di Arles una delle fonti di ispirazione più ricche ed emozionanti.
Van Gogh spese ad Arles quasi tutto il 1888 e l’inizio del 1889; trecento quadri in 15 mesi.

Alyscamps
Arles vista con gli occhi di Van Gogh

Fu un periodo emotivo durissimo, ma egli si lasciò alle spalle tele dalla cromia forte e dalla pennellata vigorosa, una pennellata nella quale ancora oggi si riconoscono le strade e le case della città!

Non seguo alcun sistema di pennellatura: picchio sulla tela a colpi irregolari che lascio tali e quali. Impasti, pezzi di tela lasciati qua e là, angoli totalmente incompiuti, ripensamenti, brutalità […] gli spazi, limitati da contorni espressi o no, ma in ogni caso sentiti, li riempio di toni ugualmente semplificati, nel senso che tutto ciò che sarà suolo parteciperà di un unico tono violaceo, tutto il cielo avrà una tonalità azzurra, le verzure saranno o dei verdi blu o dei verdi gialli, esagerando di proposito, in questo caso, le qualità gialle o blu.

Era così che il pittore olandese lavorava in Provenza, dipingendo la “sua” Camera da letto e La casa Gialla, il giardino e la Corsia dell’Ospedale di Arles.
Ma non è del lavoro di Van Gogh ad Arles di cui voglio parlare. Chiedo scusa, mi ero distratta dietro alla purezza del pigmento vangoghiano!

L’antica necropoli degli Alyscamps

Vorrei, piuttosto, raccontarvi di  un luogo magico, dove non solo il tempo si è fermato, ma anche la memoria dell’uomo, in un trionfo di fatti e trasformazioni.

Alyscamps
Les Alyscamps, Arles secondo Osservarte

La città Arles si affaccia sul Rodano sin dal VII sec. a.C., periodo in cui nacque l’emporio commerciale Théliné che i Romani avrebbero ribattezzato Arelate nel I secolo a.C. Non è il momento di ripercorrere le storie e le avventure della città (colonia romana, residenza favorita dell’imperatore Costatino e sede del Concilio del 314), ci basta sapere che parallelamente al nucleo urbano si svilupparono cinque necropoli, corrispondenti ad altrettante strade principali. A sud-est, sulla via Aurelia, si trovava quella degli Alyscamps, la più conosciuta. E la più magica.
Vi riposano il santo martire Geneset e i primi vescovi della città, accanto ai quali sin dal V secolo si fecero seppellire arlesiani di ogni censo. E la necropoli si popolò di sarcofagi magnifici e di sacelli!

Alyscamps
Un sarcofago negli Alyscamps di Arles

Nel’XI secolo fu costruita la Chiesa di Saint-Honorat, dedicata al vescovo del V secolo, e pochi decenni dopo la città (e la necropoli!) divenne una delle tappe obbligate per i pellegrini diretti a Santiago de Compostela.

Les Alyscamps, un museo a cielo aperto

Nell’ultimo decennio del Cinquecento il luogo sacro cominciò a subire le esigenze di una città che si stava ampliando, di un centro moderno ed efficiente e l’estensione della necropoli diminuì. Ciò però non impedì agli Alyscamps di diventare un “museo a cielo aperto”; nel XVIII secolo, infatti, furono riuniti nella corte della Chiesa di Saint-Honorat i numerosi oggetti archeologici rinvenuti nella città. Questi oggetti andavano ad arricchire il lavoro effettuato dai Frati Minimi nel Seicento, che avevano collocato splendidi sarcofagi lungo il viale che conduce alla Chiesa di Saint-Honorat.
Il primato di uno dei primi musei archeologici francesi cessò presto: la Rivoluzione Francese e la costruzione della linea ferroviaria ne diminuirono ancora una volta i confini.
La privazione dei sarcofagi più belli, il furto dei terreni, non minarono il fascino e l’aura degli Alyscamps arlesiani, i “Campi Elisi” della mitologia romana, la via percorsa dagli eroi per giungere nel regno dei morti.

Alyscamps
Les Alyscamps visti da Paul Gauguin

Les Alyscamps nei pennelli del XIX secolo

Nel XIX secolo si determinò in maniera definitiva la fisionomia di questo luogo, celebrato tanto da Alexander Dumas, quanto da Dante Alighieri, che nell’Inferno, tra le tombe infuocate e scoperchiate degli eretici, evocò sepolcri sparsi nell’antica necropoli di Arles.
Un luogo cosi carico di storia e di storie non poteva non impressionare il pittore olandese dal quale ha preso avvio il discorso.
Van Gogh dipinse quattro volte gli Alyscamps e anche il suo collega francese Gauguin si lasciò tentare dalle suggestioni spaziali e cromatiche della necropoli. Quest’ultimo incarnò nel pigmento i valori simbolici e storici del luogo, con una pennellata morbida e una cromia dolce e brillante e con uno scorcio azzardato, selezionò le rovine delle necropoli da elevare a simbolo. Al contrario, Van Gogh svuotò il viale alberato di storia e leggenda, per farne un luogo animato dal passeggiare della gente. La differenza nell’approccio probabilmente è figlia dei continui contrasti tra i due che, si è detto, nel 1888 lavoravano e vivevano gomito a gomito ad Arles… e litigavano sempre! I loro Alyscamps sono agli antipodi, ma in entrambe le interpretazioni trasuda la meraviglia dell’incontro tra luci e colori, che creano un ricamo di arte e poesia.

Les Alyscamps che dipinsero loro, sono quelli in cui passeggiamo noi

Alyscamps
Les Alyscamps visti da Vincent Van Gogh

Il viale trova il suo momento più bello percorso al mattino presto, in un giorno di autunno. L’aria è pungente, ma il sole scalda. Le foglie degli alberi cominciano a imbrunire, mentre le ombre giocano con le sagome delle rovine.

Alyscamps
Les Alyscamps, Arles secondo Osservarte

11 risposte a "Ritorno ai Campi Elisi"

Add yours

  1. Non conoscevo questa antica necropoli situata presso Arles.
    Leggo che Van Gogh lo ha dipinto ben 4 volte, credo che dev’essere stato un posto a lui moto caro. I campi elisi sono un viale importante dove i diversi artisti hanno rappresentato la malinconica suggestione dei vari momenti della giornata e Van Gogh vedo che ne ha apprezzato i colori e la luce che caratterizza il colore delle foglie

    Mi piace

  2. non sono mai stata in questa parte della francia e non sapevo che Van Gogh avesse vissuto li un periodo.Grazie per la bella ed interessante descrizione: tu l’hai dipinta con le parole così come lui ha fatto coi colori

    Mi piace

  3. La Provenza mi affascina da sempre proprio per queste piccole gemme. Non conoscevo Alyscampss e non avevo idea che proprio questo luogo avesse ispirato grandi artisti come Van Gogh. Interessante leggerne.

    Mi piace

  4. Trovo che il tuo articolo sia davvero molto bello, non conoscevo il periodo in cui Van Gogh visse in quella città. Amo i suoi dipinti quindi anche la sua storia e devo dire che sono stata felice di averlo letto

    Mi piace

  5. Sono una grandissima amante dell’arte in ogni sua forma, e amo la pittura di Van Gogh e Gauguin. Ho visto due film su Van Gogh e so come Les Alyscamps sia stata fondamentale per la sua arte e non solo. Non ci sono mai stata però e questo è una mia grandissima pecca. Dovrò rimediare assolutamente e andare a vedere proprio questi luoghi che hanno influenzato l’arte dei due pittori.

    Mi piace

  6. Sono stata ad Arles ma non a Les Alyschamps, trovo che sia bellissima. Preferisco Van Gogh a Gauguin che penso sia più ricordato per i quadri dipinti in Polinesia che non in Provenza. I quadri di Van Gogh li ho visti, sono emozionanti.

    Mi piace

  7. Arles è magnifica, ho un amico che si è trasferito lì da qualche anno e mi manda foto eccezionali. Sapere che è stato luogo di ispirazione per un grande pittore è ancora più un motivo per decidere di andare a vederla presto

    Mi piace

Rispondi a nicolettaci Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: